La coda di paglia Guido Piovene – Mondadori

7,00

La coda di paglia Guido Piovene – Mondadori – Collana Narratori Italiani – 1a Edizione 1962 – Completo – 594 pagine – Copertna Rigida – Buone condizioni

Esaurito

Prezzo Fisso

COD: LcdpGPM Categorie: , Tag: , , ,

Descrizione

Prefazione:

La coda di paglia Guido Piovene – Mondadori

Il lungo saggio introduttivo che dà il titolo al volume è una confessione bruciante, e perfino crudele, dell’autore sul proprio comportamento durante il periodo fascista, sebbene egli dichiari che la parola “confessione” non è di suo gusto. Quella “coda di paglia” l’attribuisce a se stesso.

Biografia:

Appartenente alla famiglia nobile dei Piovene, costituita da Francesco e Stefania di Valmarana, conseguì la laurea in filosofia alla Statale di Milano, dove conobbe tra gli altri il filosofo Eugenio Colorni. Si avviò senza indugi alla carriera giornalistica, incominciando da Il Convegno e Pegaso, ricoprendo il ruolo di inviato fin dalla sua prima assunzione per il quotidiano L’Ambrosiano, dalla Germania. Passò successivamente al Corriere della sera, per cui lavorò da corrispondente estero a Londra e Parigi: presso la testata lombarda conobbe Dino Buzzati, Orio Vergani e Indro Montanelli. Fece scalpore al tempo la recensione entusiastica che il giornalista, noto osservatore del mondo comunista, scrisse per il libello antisemita “Contra Judaeos” di Telesio Interlandi: questo fatto gli costò l’amicizia con Colorni.Collaborò più avanti con Solaria, Pan, Il Tempo, La Stampa, con la quale proseguì la sua attività di inviato dapprima in America e successivamente a Mosca.Nel 1931 pubblicò i suoi primi racconti ne La vedova allegra, stampato dai fratelli Buratti. Ci vollero dieci anni perché Piovene desse alle stampe la sua seconda opera, Lettere di una novizia.In un secondo momento, la produzione di Piovene si soffermò sui reportage di viaggio, che diede alla luce il De America nel 1953, seguito da Viaggio in Italia (1957), una delle sue opere più famose. Ritornò alla narrativa nel 1963 con Le furie, romanzo-saggio che è la cronaca di un ritorno a Vicenza e del confronto con i personaggi-fantasmi (“furie” appunto) del proprio passato. A dieci anni di distanza dal Viaggio in Italia pubblicò anche Madame la France e La gente che perdé Gerusalemme. Nel 1968 fu presidente della giuria della Mostra internazionale del cinema di Venezia. Il massimo conseguimento della mai dimenticata introspezione psicologica dei personaggi lo ottenne con il romanzo del 1970 Le stelle fredde, in cui una trama striminzita fa da sfondo ad un’abilissima analisi della morale. Il libro venne insignito del premio Strega. Nel giugno del 1974 appoggiò Indro Montanelli nella fondazione de il Giornale Nuovo. Cinque mesi dopo morì in una clinica neurologica a Londra, città nella quale si trovava per il lavoro come corrispondente. Se esiste un denominatore comune che salda tutti i romanzi di Piovene, lo si può rintracciare nella focalizzazione delle cause e delle conseguenze delle tendenze al male, alla negatività, alla distruzione, del singolo individuo, dei nuclei e della società

La coda di paglia Guido Piovene – Mondadori ultima modifica: 2014-11-10T10:28:20+02:00 da Emi Proprietario

Informazioni aggiuntive

Peso 0.525 kg
Dimensioni 12 × 19.50 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La coda di paglia Guido Piovene – Mondadori”