Sette storie gotiche Karen Blixen – Adelphi

7,00

Sette storie gotiche Karen Blixen – Adelphi – Biblioteca Adelphi – 1984 – Completo – 424 Pagine – Copertina Morbida – Buone Condizioni

Esaurito

Prezzo Fisso

Descrizione

Prefazione:

Sette storie gotiche Karen Blixen – Adelphi

Con questo volume diamo inizio alla pubblicazione delle opere di Karen Blixen, una delle più grandi scrittrici del secolo, che oggi viene riscoperta con passione negli Stati Uniti, in Francia, in Germania. La Blixen, nota anche sotto il nome d’arte di Isak Dinesen, era un’aristocratica danese: negli anni Venti amministrò la sua vasta piantagione di caffè nel Kenya, e su quel periodo scrisse un celebre libro di memorie: La mia Africa. Ma la parte più importante della sua opera è quella narrativa che doveva rivelarsi nel 1934 con le Sette storie gotiche. In questo libro la Blixen, esordiente a quasi cinquant’anni, dispiega in un sontuoso ventaglio una visione giunta alla maturità perfetta. Le sue ‘storie gotiche’ sono racconti lunghi, che spesso si svolgono in un tempo sospeso tra la fine del Settecento e la metà dell’Ottocento, l’età aurea del Fantastico e del Nero, mentre i luoghi variano tra le spettrali marine del Nord e un’Italia carica di malie. E ovunque vi vediamo intrecciarsi le figure dell’Amore e della Morte, dell’Avventura, della Magia, delle Maschere, del Mito, della Passione, degli Enigmi.

Biografia:
Karen Christentze Dinesen, baronessa von Blixen-Finecke (Rungsted, 17 aprile 1885 – Copenaghen, 7 settembre 1962), fu una scrittrice e pittrice danese, che fu nota in carriera con vari pseudonimi, il più famoso dei quali è Karen Blixen, anche se pubblicò opere con il nome di Isak Dinesen (suo cognome di nascita), Tania Blixen, Pierre Andrèzel e ancora Osceola.

Sette storie gotiche Karen Blixen – Adelphi ultima modifica: 2015-04-05T19:53:09+02:00 da Emi Proprietario

Informazioni aggiuntive

Peso 0.585 kg
Dimensioni 14 × 22 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Sette storie gotiche Karen Blixen – Adelphi”